La piccola atleta di Taekwondo è stata premiata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tutto è nato dal Teatro Vela di Varese e un incontro speciale.

Margherita è una bambina di 11 anni con un buon rendimento scolastico, con la passione per il pianoforte e le arti marziali. Abita a Falzè di Piave, in provincia di Treviso, con mamma Maristella, papà Claudio e il fratellino Matteo.

Crescendo Margherita ha sempre provato ogni esperienza che le si è presentata scegliendo se, come e quando, portarla avanti o lasciarla.

Con la sua determinazione ha vinto ogni dubbio della mamma quando la sua scelta per i tre allenamenti settimanali ad un’ora da casa è stata il Taekwondo.

Cintura dopo cintura Margherita ha imparato a prenderle e a darle fino a diventare campionessa italiana con una convocazione nella squadra nazionale paralimpica sperimentale.

Con il sorriso e con l’entusiasmo allevato da due genitori sereni, con un ricordo lontanissimo delle nuvole nere che hanno accompagnato i primi mesi dalla sua nascita “senza”. Da lunedì Margherita Borsoi di Falzè di Piave è Alfiere della Repubblica Italiana per meriti sportivi.

La spilla e l’attestato della nomina le sono stati consegnati al Quirinale dal Presidente Sergio Mattarella davanti al quale Margherita si è presentata, insieme all’Italia più bella, con la famiglia al completo e il suo Maestro di Taekwondo.

Margherita, con Bebe e sempre più bambini, è ambasciatrice dell’associazione “art4sport” che promuove e supporta lo sport per bambini amputati. Chi ha visto nascere Margherita ha visto una bambina senza un braccio.

Chi l’ha vista e la vede crescere vede una bambina con un buon rendimento scolastico, con la passione per il pianoforte, le arti marziali e con il sogno di partecipare alle Paralimpiadi.