Non vedente dalla nascita, il fisioterapista ama le sfide estreme. «Ho cominciato 10 anni fa perché ero sovrappeso. Ora sogno di poter scalare una parte dell’Everest».                                                                                                         Tullio Frau non si ferma mai. Fisioterapista in pensione, 64 anni ancora da compiere, è alla costante ricerca di nuove sfide. La vita lo ha già messo a dura prova: cieco dalla nascita, per Frau, originario della Sardegna ma trapiantato a Pordenone da sempre, non c’è nulla d’irrealizzabile. L’ultima impresa risale al 6 gennaio, nel Carso triestino, quando ha portato a termine la Corsa della Bora. È una gara di 57 chilometri, con più di 2 mila e 500 metri di dislivello, conclusa mano nella mano con i suoi due angeli custodi, Ivan Cudin e Giancarlo Enna, quest’ultimo conosciuto lo scorso anno in occasione della Iranian ultra marathon.                                                                                                                         Ora quale nuova sfida sta preparando? «Il 2 giugno tenterò la Via degli dei, la 125 chilometri da Bologna a Fiesole attraverso gli Appennini. Poco dopo ci sarebbe il decennale del Magraid, la 100 chilometri nella steppa friulana: vorrei tanto esserci, a quel compleanno».                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               Parlando di gare estreme, c’è qualcosa che bolle nel pentolone? «Ho ricevuto l’invito per la Maratona della pace, in Palestina, lungo il percorso che collega Betlemme a Gerusalemme. Si disputerà il 31 marzo».                                       Quando comincia la sua passione per queste sfide? «Esattamente 10 anni fa. Ero sovrappeso e, su consiglio dell’amico Gianni Da Pieve, ho cominciato a correre. Ho indossato le scarpe da ginnastica a gennaio e il mese dopo mi ero già iscritto alla Maratona di New Yortk: avevo bisogno di darmi degli obiettivi, dei traguardi da raggiungere. Ce l’ho messa tutta e, grazie al sostegno di un bellissimo gruppo, a novembre ho portato a termine i 42 chilometri e 197 metri nella Grande Mela. Ad aprile, a Padova, avevo debuttato sulla stessa distanza. Se ci penso mi vengono ancora i brividi: avevo appena tre mesi di preparazione alle spalle».                                                                                                               Ci sono stati momenti di sconforto? «Certo che ci sono stati, ma mai una volta mi è balenata l’idea di mollare. La corsa per me rappresenta ormai tutto: è come una fiammella da tenere sempre accesa. Ricordo gli insuccessi, le difficoltà, le gare in cui ho dovuto alzare bandiera bianca. È dalle sconfitte, però, che ho imparato a crescere».                                                                                                                                                                                                                         Com’è la sua giornata tipo? «Difficile raccontarla, anche perché mi piace molto variare. Quello che non manca, senza dubbio, è l’allenamento: se le condizioni meteo non me lo permettono, nella casa di Vallenoncello ho il tapis roulant. Nonostante sia cieco, sono una persona molto autonoma e indipendente. Prendo i mezzi pubblici e riesco a fare la maggior parte delle cose senza l’aiuto di qualcuno. Tra un allenamento e l’altro trovo il tempo per seguire ancora qualche cliente. Inoltre partecipo all’attività sociale dell’Unione ciechi».                                                                                                                                                                                                                                                                             Pordenone è una città a misura di non vedenti? «Mi auguro che le promesse fatte, di rivedere i percorsi tattilo-plantari e d’installare semafori acustici, vengano mantenute. Sarebbe necessario avviare un tavolo con l’Amministrazione comunale per concordare le misure concrete da adottare. Attualmente le difficoltà che incontriamo sono ancora tante».                                                                                                                                                                                           Il suo sogno nel cassetto? «Scalare una parte dell’Everest. Chiedo troppo?».